M.U.D. 2015  (denuncia annuale dei rifiuti)

Pubblicato sulla G.U.del 27 dicembre 2014 il D.P.C.M. di approvazione del modello unico di dichiarazione ambientale per l’anno 2015

Il provvedimento contiene il modello e le istruzioni per la presentazione entro il 30 aprile 2015, con riferimento all’anno 2014, del Modello Unico di dichiarazione ambientale, articolato in 6 Comunicazioni:
1. Comunicazione Rifiuti
2. Comunicazione Veicoli Fuori Uso
3. Comunicazione Imballaggi
4. Comunicazione Rifiuti da apparecchiature elettriche ed elettroniche
5. Comunicazione Rifiuti Urbani, Assimilati e raccolti in convenzione
6. Comunicazione Produttori di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche

Rispetto al 2014 rimangono immutate le modalità di presentazione, i diritti di segreteria e i soggetti obbligati che sono così individuati:

1. Comunicazione Rifiuti

- Chiunque effettua a titolo professionale attività di raccolta e trasporto di rifiuti;
- Commercianti ed intermediari di rifiuti senza detenzione;
- Imprese ed enti che effettuano operazioni di recupero e smaltimento dei rifiuti;
- Imprese ed enti produttori iniziali di rifiuti pericolosi;
- Imprese agricole che producono rifiuti pericolosi con un volume di affari annuo superiore a E. 8.000;
- Imprese ed enti produttori che hanno più di dieci dipendenti e sono produttori iniziali di rifiuti non pericolosi derivanti da lavorazioni industriali, da lavorazioni artigianali e da attività di recupero e smaltimento di rifiuti, fanghi prodotti dalla potabilizzazione e da altri trattamenti delle acque e dalla depurazione delle acque reflue e da abbattimento dei fumi (così come previsto dall’articolo 184 comma 3 lettere c), d) e g)).

2. Comunicazione Veicoli Fuori Uso-Soggetti che effettuano le attività di trattamento dei veicoli fuori uso e dei relativi componenti e materiali.

3. Comunicazione Imballaggi-Sezione Consorzi: CONAI o altri soggetti di cui all’articolo 221, comma 3, lettere a) e c).-Sezione Gestori rifiuti di imballaggio: impianti autorizzati a svolgere operazioni di gestione di rifiuti di imballaggio di cui all’allegato B e C della parte IV del D.Lgs. 3 aprile 2006, n. 152

4. Comunicazione Rifiuti da apparecchiature elettriche ed elettroniche-Soggetti coinvolti nel ciclo di gestione dei RAEE rientranti nel campo di applicazione del D.Lgs. 151/2005.

6. Comunicazione Produttori di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche
-Produttori di apparecchiature elettriche ed elettroniche iscritti al Registro Nazionale e Sistemi Collettivi di Finanziamento.

L’Ufficio Tecnico-Sicurezza-Ambiente  – Confcommercio Imprese per l’Italia  Marche Centrali –

è già operativo per garantire alle imprese l’assistenza necessaria per il controllo dei Registri c/s rifiuti e per l’elaborazione e la presentazione del MUD 2015.

Assistenza: ufficiotecnico@confcommerciomarchecentrali.it

Tel.: 071-2291524

 Ufficio di   Macerata telef.  0733-234130

 

<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<

SISTRI    ( Sistema Elettronico Tracciabilità Rifiuti )

Con riferimento al decreto Milleproroghe del 31 dicembre 2014 che introduce importanti novità in tema di Sistri.

Per quanto riguarda il sistema di tracciabilità dei rifiuti – SISTRI, viene posticipato al 31 dicembre 2015 “al fine di consentire la tenuta in modalità elettronica dei registri di carico e scarico e dei formulari di accompagnamento dei rifiuti trasportati nonché l’applicazione delle altre semplificazioni e le opportune modifiche normative” il termine ultimo (originariamente previsto per il 31 dicembre 2014) del periodo transitorio. Durante tale periodo troverà applicazione il cd. “doppio binario”, in forza del quale i nuovi obblighi “informatici” di tracciamento telematico Sistri convivono con i tradizionali adempimenti “cartacei” (formulari, registri di carico/scarico e Mud).

Fino alla suddetta data del 31 dicembre 2015 sono sospese le sanzioni relative alle violazioni delle regole operative del Sistri, mentre continuano ad applicarsi quelle relative al tracciamento tradizionale.

Saranno invece operative, già a decorrere dal 1° febbraio 2015, e per i soli soggetti obbligati ad aderire al sistema, le sanzioni per mancata iscrizione e omesso pagamento del contributo annuale Sistri.