E’ prevista la concessione a favore dei datori di lavoro che sospendono o riducono l’attività lavorativa per eventi riconducibili all’emergenza epidemiologica da Covid – 19 di ulteriori 12 settimane di cassa integrazione;

le settimane devono essere ricomprese tra il1 gennaio 2021 ed il 31 marzo 2021 per il trattamento di CIGO, mentre il periodo di sospensione può essere protratto fino al 30 giugno 2021 nei casi di assegno ordinario e di CIGD.

Si precisa che eventuali periodi di cassa già usufruiti e legati al Decreto Ristori, devono essere ricompresi nelle 12 settimane; inoltre i lavoratori coinvolti saranno tutti quelli assunti dopo il 25 marzo 2020 ed in ogni caso in forza alla data di entrata in vigore della legge di bilancio – 1 gennaio 2021.

La legge di bilancio conferma l’esonero dal versamento dei contributi previdenziali nei confronti dei datori di lavoro che non richiedono i nuovi periodi di trattamento di integrazione salariale per un ulteriore periodo massimo di otto settimane, fruibili entro il 31 marzo 2021, nei limiti delle ore di integrazione salariale già fruite nei mesi di maggio e giugno 2020.

I nostri uffici sono a disposizione degli associati che desiderano ricevere ulteriori informazioni in merito.