La Corte di Cassazione con ordinanza n. 4804 del 2019 ha confermato che è ammessa la risoluzione del rapporto di lavoro per giusta causa nel caso di lavoratore che venga accusato di spaccio di sostanze stupefacenti.

Tali fatti sono stati considerati talmente gravi da far venire meno il rapporto fiduciario anche se la attività di spaccio non sia stata perpetrata all’interno dei locali aziendali