La Legge di Bilancio prevede un inasprimento delle sanzioni pari al 20% in materia di lavoro e legislazione sociale in particolare nei casi di:

- impiego di lavoratori subordinati senza preventiva comunicazione di instaurazione del rapporto di lavoro da parte del datore di lavoro privato;

-  mancato rispetto delle disposizioni relative al limite massimo dell’orario settimanale medio, al riposo settimanale, alle ferie annuali ed al riposo giornaliero (art. 18-bis, commi 3 e 4, del D.Lgs n. 66/2003);

Siamo in attesa di un apposito decreto con il quale il Ministero fornirà inidcazioni circa ulteriori sanzioni in materia di lavoro e legislazione soiale che saranno oggetto anch’esse di un aumento pari al 20%.

La legge prevede che, nel caso in cui il datore di lavoro sia stato sanzionato per i medesimi illeciti nei tre anni precedenti le sanzioni saranno raddoppiate.

Si ricorda inoltre che tutte le sanzioni previste dal D.Lgs n. 81/2008, in via amministrativa o penale, in materia di tutela della salute e sicurezza nei luoghi di lavoro sono state oggetto di un aumento pari al 10%;