La Corte di Cassazione con sentenza del 4 gennaio 2019 n. 79, ha espresso il principio secondo cui un datore di lavoro può far seguire ad un primo licenziamento, una seconda lettera di risoluzione dello stesso rapporto purchè sia basata su causa diversa.

Il secondo provvedimento avrà valore esclusivamente nel caso in cui la prima lettera di risoluzione sia stata priva di effetti in quanto dichiarata invalida o inefficace