Il giorno 7 agosto si è concluso l’iter parlamentare di conversione del decreto Dignità per cui possiamo analizzare sia pure in maniera sintetica le principali novità in materia di lavoro.

L’art. 1 modifica gli art. 19 e 21 del DLgs n. 81/2015 in particolare:

- l’art. 19 comma 1 bis

In caso di stipulazione di un contratto di durata superiore a dodici mesi in assenza delle causali indicate al comma 1 dell’art. 19, il contratto si trasforma in contratto a tempo indeterminato dalla data di superamento del termine di dodici mesi.

- l’art. 21 comma 1

Si precisa che nel caso di violaione delle disposizioni relative alla specifica delle causali nelle proroghe e nei rinnovi dei contratti a termine la sanzione applicata consiste nella trasfromazione del rapporto a tempo indeterminato.

IMPORTANTE: LE NUOVE PREVISIONI IN MATEIA DI CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO TROVANO APPLICAZIONE NEI CONFRONTI DEI CONTRATTI STIPULATI SUCCESSIVAMENTE ALL’ENTRATA IN VIGORE DEL DECRETO, DEI RINNOVI E DELLE PROROGHE CONTRATTUALI SUCCESSIVI AL 31 OTTOBRE 2018